IL CAMBIAMENTO E I CICLI DELLA VITA

Nel corso della nostra vita passiamo tutti momenti di crisi, evoluzioni, gioie e dolori, che ciclicamente vanno e vengono e se osservate sotto questo punto di vista si scopre come la natura e gli astri, e rispettino anche’essi dei cicli che corrispondono ad una precisa fase della nostra vita.

La biologia ci insegna che il nostro organismo rinnova completamente le sue cellule, ad eccezione di quelle del sistema nervoso, ogni sette anni e quindi allo scadere di ogni settimo anno il nostro corpo non è più lo stesso e anche   la psicologia, a sua volta, individua dei cicli settennali di trasformazione individuale cosicché ogni sette anni sperimentiamo una rigenerazione psicofisica dell’intero organismo.

La resistenza della mente ( e quindi dell’ Ego ) a questi cicli naturali provoca delle disarmonie e sofferenze, bisogna imparare ad osservarli ed accettarli per ritrovare l’armonia con se stessi e la vita.

ruota

Di seguito un’ illuminante scritto su questo tema di Eckhart Tolle uno dei più amati e seguiti maestri spirituali viventi.

Ogni sofferenza è creata dall’ Ego ed è dovuta alle resistenza.

Inoltre finchè ci si trova in questa dimensione si è sempre soggetti alla natura ciclica e alla legge di transitorietà di tutte le cose. Ci sono cicli di successo in cui le cose arrivano e prosperano, e cicli di fallimento, in cui avvizziscono e si disintegrano e bisogna lasciarle andare per far spazio a cose nuove e alla trasformazione.

A questo punto se si resta aggrappati alla proprie posizioni e si oppone resistenza significa rifiutarsi di seguire il flusso della vita generando così difficoltà e sofferenza. Non è sempre detto che il ciclo ascendente sia positivo e quello discendente negativo, tranne che in base al giudizio fornito dalla mente. Se lo sviluppo, di qualunque genere dovesse  proseguire all’ infinito, prima o poi diventerà mostruoso e distruttivo.

Questo principio dovrebbe essere preso al più presto in considerazione dagli economisti mondiali, che continuano a considerare lo sviluppo di una nazione su un parametro puramente di crescita, il famigerato PIL ( Prodotto interno Lordo ), continuando in questo modo si arriverà presto al punto di rottura, ma comunque sia i cicli evolutiva avranno comunque il loro corso, e questo momento potrebbe anche diventare l’ occasione di uno storico cambio di direzione verso un mondo migliore, sano e armonioso.

upstream

Tornando all’ essere umano bisogna dire che anche l’ energia fisica è soggetta ai cicli. Non si può essere sempre al massimo.

Ci saranno dei momenti di energia alta e dei momenti di energia bassa,  e ce ne saranno pure altri in cui tutto sembra immobile e si penserà di non andare da nessuna parte, di non riuscire a ottenere niente.  Un ciclo può durare da qualche ora a qualche anno. E’ importante sapere che molte malattie possono sorgere dalla lotta contro i cicli di energia ridotta che sono vitali per la rigenerazione.  La compulsione al fare, oggi più che mai esasperata in una società sempre più competitiva, la tendenza a trarre la  propria autostima e il proprio senso d’ identità da fattori esterni come il successo, non sono che illusioni che continuano finchè si continua a identificarsi con la mente.

Perciò diventa difficile o impossibile accettare i cicli bassi permettendo loro di esistere.

Allora l ‘intelligenza dell’ organismo può prendere il sopravvento come misura di autodifesa e creare una malattia per costringerci a fermarci, in modo che possa avvenire la necessaria rigenerazione.  La natura ciclica dell’ Universo è strettamente correlata all’ impermanenza di tutte le cose e le situazioni.  Finchè una situazione viene giudicata “ buona”  dalla mente , sia che si tratti di una relazione, di un bene posseduto, di una posizione sociale, di un luogo o del proprio corpo fisico , essa ci si attacca identificandosi.

Ciò  rende felici,  fa sentire bene con se stessi, e potrebbe diventare una parte di ciò che si pensa di essere.

Ma niente perdura in questa dimensione in cui il tempo come la ruggine consuma e distrugge.  Tutto finisce o cambia oppure può subire uno spostamento di polarità, la stessa condizione che ieri ti rendeva felice, oggi ti rende infelice.  La prosperità di oggi può diventare il vuoto consumistico di domani, oppure le nozze e la splendida luna di miele di ieri potranno diventare il divorzio o la splendida convivenza di domani. Quando una condizione o una situazione verso cui la mente prova attaccamento e con cui si identica cambia o scompare , essa non riesce ad accettarlo.

La mente si aggrapperà con ogni forza alla condizione che svanisce e opporrà una resistenza tenace a ogni cambiamento.

Se si riesce ad entrare in sintonia con la vita interiore senza tempo e senza forma, si può osservare e permettere la continua trasformazione della vita e di se stessi.

La chiave è una totale accettazione di ciò che esiste, in cui tutti  i drammi della vita hanno fine.

La trasformazione della propria forma esteriore e della propria realtà personale può diventare così sempre più trasparente alla luce della propria vera natura diventando una profonda bellezza spirituale.

In pochi però oggi dicono che questo è possibile.  Il sapere essenziale non è ancora accessibile a tutti.

OLD TAROT SOL

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...