LA FESTA DI SAMHAIN – Il CAPODANNO CELTICO

Si avvicina la fine di Ottobre, il Sole è entrato nel Segno dello Scorpione, la stagione autunnale entra nella sua fase centrale di decadimento, cambia anche l’ora (ritorna l’ora legale) a sottolineare il progressivo accorciarsi delle giornate, la diminuzione delle ore di luce, dell’intensità del calore del sole, della forza vitale della natura.

Questo momento dell’anno veniva festeggiato nell’antichità con la festa pagana di Samhain, il Capodanno celtico: la notte tra il 31 ottobre e il 1° novembre era considerato un momento particolare, segnava la conclusione dell’estate, della bella stagione, e l’inizio dell’inverno, della cattiva stagione, un momento di morte e rinascita, una soglia tra la celebrazione per quanto si è ricevuto e l’inizio del nuovo ciclo.

Secondo questa tradizione, nella notte di Samhain si apre il portale che collega la vita e la morte, la fine e l’inizio: ciò che si è concluso va lasciato andare, attraverso i fuochi rituali di trasformazione e purificazione, anche l’ultimo raccolto è stato fatto, i semi per la stagione successiva vengono affidati al terreno, ma solo dopo il lungo inverno si vedranno i germogli della nuova stagione.

I Celti non temevano la morte e credevano che i morti ritornassero sulla terra in particolari momenti dell’anno: alla festa di Samhain, giorno fuori dal tempo e dallo spazio, sulla soglia fra i due mondi, quello terreno e quello spirituale, uomini e creature fatate, spiriti, demoni potevano incontrarsi. Era usanza lasciare una candela accesa davanti alla finestra per guidare gli antenati a ritrovare la loro casa e un po’ di cibo e vino per ristorarli: i vivi accoglievano i loro cari defunti accendendo falò e fuochi e preparando del cibo e delle bevande per loro.

wheeloftheyear500

Abbracciare gli antenati con Costellazioni Familiari

Quale momento migliore quindi per incontrare, onorare, integrare nella propria coscienza l’energia dei propri antenati, dei cari defunti: non è un caso che seguendo questa antica tradizione anche la Chiesa abbia istituito in questi giorni la festività dedicata a tutti i Santi

Al di là di ogni credenza religiosa, l’energia legata a Samhain ci rimette in connessione con gli antenati defunti, con i morti della nostra famiglia, offrendoci la possibilità non tanto di rimpiangerli o di sentirne la nostalgia, quanto di celebrare insieme a loro l’energia della vita, dei cicli che si sono conclusi e che hanno permesso alla vita di andare avanti.  Come si  dal lavoro con le Costellazioni Familiari, i membri scomparsi della nostra famiglia rischiano di diventare più importanti dei membri vivi, soprattutto se la loro appartenenza al sistema familiare non è nemmeno conosciuta o è stata dimenticata: è il caso dei membri scomparsi, dispersi, dimenticati, degli aborti, dei bambini morti o dei membri esclusi, tenuti segreti o allontanati per qualche motivo dalla famiglia.

Attraverso l’esplorazione del Campo Morfogenetico si apre lo stesso tipo di portale tra i vivi e i morti, tra l’energia del passato, che chiede solo di essere conosciuta e onorata, e quella del presente e del futuro, che può godere di un nuovo inizio o di un vigoroso rilancio vitale solo quando tutto il dolore, la sofferenza, la privazione presente nella storia del sistema familiare vengono sciolti e trasformati

albero-genealogico

 

Il Segno dello Scorpione

scor

Astrologicamente parlando, nella celebrazione di Samhain ritroviamo la simbologia dello Scorpione, che proprio nella sua prima decade (indicativamente dal 23 Ottobre al 1 Novembre) è governato da Plutone, il Pianeta che si trova in Domicilio Primario e rappresenta la morte e la rinascita, la fine di un ciclo attraverso il passaggio fondamentale della destrutturazione.
Solo apparentemente infatti la vita si ferma, la Natura “muore”: in realtà inizia un processo invisibile, che entra nelle profondità della terra, o attraverso il lavoro dei batteri, dei microrganismi, trasforma la materia inerte in una nuova risorsa fertile, necessaria per dare nutrimento al nuovo che verrà.

In esaltazione in questo Segno infatti troviamo Mercurio, il Pianeta della conoscenza, della dimensione piccola, minuscola, della comunicazione e dell’astuzia; in trasparenza poi troviamo proprio il Sole, il principio fondamentale dell’energia vitale, che rimane attivo quale energia onnipresente, pronto a risorgere.  Sarà poi Marte, Pianeta in Domicilio Base, a utilizzare tutta questa forza e a indirizzarla con determinazione e coraggio nell’intenzione interiore a superare la stagione difficile, ad affrontare qualsiasi avversità, ad accettare la lotta con la parte Ombra (frutto della paura e della sofferenza più profonde) per far prevalere la Luce.

Il Ciclo della Vita

L’Archetipo connesso a questo passaggio stagionale è senza dubbio il Distruttore, che rappresenta la capacità della coscienza individuale e collettiva di affrontare la morte, la fine, i passaggi più complessi e devastanti della vita proprio lasciando andare definitivamente che ciò che è concluso: come il fuoco dei falò di Samhain brucia e trasforma, libera l’energia contenuta nella materia, mantiene accesa la luce e forte il calore, così il Distruttore ci aiuta a ricominciare da capo ogni volta che è necessario.

La Morte è cambiamento, trasformazione, ogni volta che si manifesta nella nostra vita significa che qualcosa si è definitivamente compiuto o è cambiato per sempre. Possiamo trascorrere il resto della nostra vita a rimpiangere i bei tempi andati oppure possiamo prendere atto del cambiamento e rinascere, rinnovati.

celticwheel_samhain

 

Articolo di Sundara Simone Bongiovanni della Città della Luce

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...